Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’ingorgo di petroliere negli oceani in attesa che salga il prezzo del greggio
01/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

Sono giorni duri, per i marinai delle superpetroliere che portano in giro per il mondo l’oro nero. In tanti hanno fatto man bassa, grazie alla riduzione straordinaria dei prezzi del greggio, crollati anche sotto i 40 dollari al barile. Il guaio è che si è comprato e venduto un oceano di petrolio: più di quello che il mercato è pronto ad acquistare, più di quello che raffinerie e depositi sono in grado di accogliere. Risultato: in questi giorni si è creato un immenso «ingorgo» di navi sulle rotte più battute dalle gigantesche superpetroliere, città galleggianti lunghe 400 metri gestite da soli 20 marinai. Secondo i numeri riportati dalla «Reuters», in questo momento ci sono in giro, in attesa di scaricare o di imbarcare, la bellezza di 125 petroliere. Mettendole in fila si formerebbe una colonna lunga 40 chilometri. Portano a bordo 200 milioni di barili di greggio: il petrolio che soddisferebbe per tre settimane le necessità dell’intera Cina. E che vale, più o meno, 7,5 miliardi di dollari.

Fonte: La Stampa – red. (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]