Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Inflazione all'1,9% in aprile, colpa di luce e gas
17/05/2017 - Pubblicato in news nazionali

In aprile l'indice nazionale dei prezzi al consumo calcolato dall'Istat è salito in Italia dell'1,9% rispetto all'analogo mese del 2016, il tasso più alto registrato negli ultimi 4 anni. Un'accelerazione dell'inflazione dovuta in primo luogo, rileva l'Istat, alla crescita dei beni energetici regolamentati (+5,/%), a cui hanno contribuito sia l'energia elettrica (+5,4%) che il gas naturale (+5,9%), e altresì la dinamica dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+5,5%). Preoccupate Federconsumatori e Adusbef che in un comunicato rilevano che “la preoccupazione maggiore deriva dal fatto che l'impennata dei prezzi non è causata dall'incremento della domanda interna, bensì dall'aumento ingiustificabile delle tariffe”. Dal canto suo il Sole 24Ore rileva che “questa volta il rincaro dei prezzi non è dovuto agli incerti del greggio bensì ai guai atomici della Francia”, mentre inspiegabilmente nel titolo del servizio il Corriere della Sera addossa la colpa alla “spinta di benzina e alimentari”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]