Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Industrie a basso impatto le quotazioni salgono vince il sistema low carbon
02/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A partire dal 2014 alcuni studi accademici hanno rivelato che le società che vantano un basso impatto ambientano hanno performance migliori e una minora volatilità rispetto a quello che non hanno cambiato le proprie politiche energetiche. E questo non avviene solo nell’oil&gas ma in ogni settore produttivo. Le ragioni di queste performance non vanno però cercate nel campo dell’etica, alle cui sirene Wall Street non è mai stata particolarmente sensibile, ma guardando alle prospettive dei costi. Analizzando la differenza di andamento fra i portafogli “low” e “high carbon” si giunge alla conclusione che i mercati stiano scontando un prezzo del carbone nell’ordine di circa 100 dollari a tonnellata, circa 10 dollari in più rispetto alle quotazioni attuali. Questo significa che gli operatori finanziari si attendono l’introduzione di una maggiore tassazione o la creazione di un vero mercato per i diritti di emissione.

Fonte: La Repubblica, Affari&finanza – Marco Frojo (pag. 60)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rivede lo scenario e annuncia rettifiche per 3,5 miliardi

Eni conferma la propria strategia di decarbonizzazione al 2050, ma dopo l’aggiornamento di fine marzo, rivede ulteriormente le proprie stime alla luce dell’emergenza coronavirus
[leggi tutto…]

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]