Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Industrie a basso impatto le quotazioni salgono vince il sistema low carbon
02/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A partire dal 2014 alcuni studi accademici hanno rivelato che le società che vantano un basso impatto ambientano hanno performance migliori e una minora volatilità rispetto a quello che non hanno cambiato le proprie politiche energetiche. E questo non avviene solo nell’oil&gas ma in ogni settore produttivo. Le ragioni di queste performance non vanno però cercate nel campo dell’etica, alle cui sirene Wall Street non è mai stata particolarmente sensibile, ma guardando alle prospettive dei costi. Analizzando la differenza di andamento fra i portafogli “low” e “high carbon” si giunge alla conclusione che i mercati stiano scontando un prezzo del carbone nell’ordine di circa 100 dollari a tonnellata, circa 10 dollari in più rispetto alle quotazioni attuali. Questo significa che gli operatori finanziari si attendono l’introduzione di una maggiore tassazione o la creazione di un vero mercato per i diritti di emissione.

Fonte: La Repubblica, Affari&finanza – Marco Frojo (pag. 60)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]