Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’inchiesta petrolio frena i giacimenti
11/06/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il sequestro degli impianti per l’estrazione del petrolio dell’Eni in val d’Agri (Potenza) dà il taglio più grave nella caduta dell’attività mineraria rilevata in aprire dall’Istat, che è stata del -15,7% mentre il resto della produzione industriale era in crescita (pur leggerissima) dello 0,5%. Fra le montagne della val d’Agri i giacimenti fino al 31 marzo estraevano circa 75mila barili di greggio al giorno, cioè una dozzina di milioni di litri di petrolio. Gli idrocarburi usciti dal sottosuolo venivano trattati nell’impianto di Viggiano, quel centro oli in cui si separavano il petrolio, il metano e l’acqua “di strato” che aveva dormito mescolata al petrolio per ère geologiche. Ripulita dal petrolio, l’acqua del giacimento veniva riniettata depurata nel sottosuolo. Il greggio invece via oleodotto andava alla raffineria di Taranto per diventare la benzina e il gasolio usato dagli italiani. Ma il 31 marzo la Procura di Potenza, nel momento più sensibile della campagna per il referendum sulle trivelle, ha sequestrato gli impianti. Sospettava che questa attività fosse smaltimento abusivo di rifiuti pericolosi. Nei giorni scorsi la Procura ha consentito un dissequestro temporaneo degli impianti, il cui ciclo industriale deve essere cambiato secondo un progetto proposto dall’Eni; entro qualche mese i lavori saranno completati e potrà ricominciare l’estrazione del petrolio “a chilometro zero”. In generale l’attività estrattiva in Italia trova sempre più ostacoli da parte della politica locale, sensibile ai comitati “nimby”, ma in aggiunta nel mese di aprile gli italiani hanno anche ridotto i consumi di prodotti petroliferi (lo Sviluppo economico ha censito un calo del -3,8% nella domanda di benzina e gasolio) e Terna ha osservato un -1,8% nei consumi di corrente elettrica. Ieri l’Istat ha confermato la rilevazione di Terna e ha attribuito il -1,4% al segmento della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria (-1,4%). Se la domanda interna frena, aumenta però l’attività delle raffinerie, aiutate dai prezzi contenuti del petrolio. La distillazione e raffinazione in aprile è cresciuta del +6,3%.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e Territori – Jacopo Gilberto (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]