Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Le imprese pagano fino al 45% in più
11/05/2017 - Pubblicato in news nazionali

Secondo il rapporto appena pubblicato sul sito del Mise in merito al mercato dell’energia elettrica, ad eccezione delle fasce collocate nelle fasce inferiori di consumo, il prezzo italiano è tra i più elevati in Europa – dal 17% al 54% in più della media Ue). Non va meglio per le imprese che soffrono un differenziale tra il 22 e il 45% in base alla classe di consumo. Un discorso a parte il gas in cui ha un ruolo fondamentale la parte fiscale. Per le imprese il differenziale è maggiore per quello con i consumi più bassi che pagano un prezzo superiore del 17% rispetto alla media Ue. Nel 2016 sembra essersi arrestato il trend di convergenza dei prezzi italiani verso quelli europei iniziato nel 2012. La Sen indica due linee di azione: la prima prevede che il prezzo dell’energia elettrica per i grandi consumatori industriali dovrà scendere con le nuove agevolazioni per le energivore; per le imprese con un rapporto inferiore del 20% l’onere sarà variabile e calcolato in base al costo energia/fatturato ma comunque pari al 15% dell’importo non agevolato. Per quanto riguarda il gas si calcola che tra Psv e Ttf permanga una differenza del 10% quasi integralmente legata ai costi di logistica; in questo caso l’antidoto sarebbe il “corridoio di liquidità” che potrebbe portare fino a 300 milioni di euro di risparmi. In un’epoca di movimenti “Nimby” qualche problema potrebbe essere sollevato da possibili nuove infrastrutture per diminuire la dipendenza italiana dal gas russo: nella Strategia si privilegia la realizzazione di un impianto galleggiante da circa 4 miliardi di metri cubi.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]