Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’impatto del prezzo del petrolio
18/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

Nonostante il crollo dei prezzi, da oltre 115 dollari alla fine di novembre 2015, la maggior parte dei modelli macroeconomici suggerisce che l’impatto sulla crescita globale è stato inferiore rispetto a quanto previsto – forse lo 0,5% del Pil mondiale. La buona notizia è che questo effetto positivo  ma modesto sulla crescita probabilmente non cesserà nel 2016. La cattiva notizia è che i prezzi bassi creeranno ancora maggiori tensioni sui principali paesi esportatori di petrolio. La recente diminuzione dei prezzi del petrolio è pari al calo trainato dall’offerta nel 1985-1986, quando i membri dell’Opec hanno deciso di invertire i tagli alle forniture per riconquistare quote di mercato. Tra le ragioni il rallentamento della Cina che sta spostando gli equilibri verso il consumo interno e le nuovi fonti di approvvigionamento di petrolio. La rivoluzione dello shale ha fatto salire la produzione di petrolio americano da cinque milioni di barili al giorno nel 2008 a 9,3 milioni di barili nel 2015. Anche l’anticipazione della produzione petrolifera iraniana post-sanzioni ha colpito i mercati.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Commenti e Inchieste ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]