Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Idrogeno, Thyssenkrupp sviluppa nuovi impianti
10/06/2020 - Pubblicato in news internazionali

Thyssenkrupp punta sull’idrogeno “green”. Il gruppo tedesco è infatti impegnato ad ampliare la capacità produttiva dei propri impianti. Ad oggi le celle elettrolitiche possono generare annualmente fino a 1 GW, grazie alla joint-venture con De Nora, sottolinea una nota. L'elettrolisi “sta diventando sempre più una tecnologia chiave per costruire un sistema energetico sostenibile e flessibile”. Questo scenario “apre nuovi mercati”, ha spiegato Sami Pelkonen, ceo della business unit Chemical & process technologies di Thyssenkrupp. La conglomerata tedesca ha sviluppato un modello basato su moduli prefabbricati. Ogni unità può produrre fino a 4.000 mc di idrogeno all’ora. Per Christoph Noeres, Head of energy storage & hydrogen del gruppo, l’elettrolisi da rinnovabili è “essenziale” per la transizione energetica, ma questo passaggio non funzionerà “senza nuove condizioni normative e opportunità di mercato eque per l'idrogeno verde”. L’idrogeno si sta ritagliano un ruolo importante nella strategia di decarbonizzazione della Germania. Le tecnologie per l’idrogeno “green” hanno trovato posto anche nel nuovo piano di stimoli da 130 mld € varato dal Governo di Angela Merkel. L’idrogeno si sta facendo strada anche nella mobilità. L’accordo con la società giapponese coinvolge i quattro costruttori cinesi Faw, Dongfeng, Beijing Automotive, Gac e l’azienda che produce celle a combustibile Beijing SinoHytec. Da questa intesa nascerà la nuova società United Fuel Cell System R&D.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]