Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ichnusa Gas passa a Italgas per 26 milioni
09/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

La metanizzazione della Sardegna è tra i temi di rilievo del settore gas. Unica regione che ancora non gode dei benefici di una grande rete di distribuzione del gas, l’isola è al centro di svariati progetti tra cui la costruzione della cosiddetta dorsale sarda, che interessa anche al gruppo Snam. Un vuoto che Italgas cerca di colmare con l’acquisto del 100% di Ichnusa Gas da Cpl Concordia e Impresa Costruzioni Ing. Raffaello Pellegrini, annunciata ieri dal gruppo guidato da Paolo Gallo. Il prezzo pagato per la holding, che controlla 12 società titolari di altrettante licenze di costruzione e utilizzo di reti di distribuzione in 81 Comuni sardi, è 26,2 milioni, che il primo operatore italiano del gas pagherà interamente cash. A questa cifra si aggiungeranno 170 milioni (in parte finanziati dalla Regione Sardegna) che la società verserà per 10 delle 12 concessioni, mentre le rimanenti 2 sono in esercizio provvisorio. In totale, dopo i tre anni stimati per la realizzazione, la rete a regime conterà circa 1.300 chilometri di reti per un bacino potenziale di 150 mila clienti, un terzo del territorio sardo. Il closing dell’operazione è previsto per i primi mesi del 2018 ed è soggetto ad alcune condizioni.

Fonte: MF – Nicola Carosielli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]