Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Guidi: “Il Nord Stream 2 conviene solo a Berlino”
15/01/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il raddoppio del Nord Stream rischia di compromettere la competitività dell'industria europea a vantaggio di quella tedesca e va valutato con gli stessi criteri del South Stream. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi al question time alla Camera. "Il prezzo del gas europeo si verrebbe a formare rispetto al punto di ingresso tedesco e questo potrebbe in qualche modo avvantaggiare l'industria tedesca con qualche ripercussione per la competitività dell'industria italiana e degli altri stati membri e più in generale per i mercati europei del gas. Questa - ha spiegato la Guidi - è la nostra valutazione rispetto al raddoppio del Nord Stream che chiediamo venga valutato con le stesse regole con cui è stato valutato il South Stream precedentemente". Noi abbiamo invece la volontà - ha aggiunto - "di promuovere l'Italia come hub del gas anche secondo quanto previsto dalla Strategia energetica nazionale e in base questa logica abbiamo sostenuto l'apertura del corridoio Sud non solo attraverso il gasdotto Tap ma anche per mezzo dell'interconnessione tra la Bulgaria e Grecia denominata Igpi e ugualmente importanti sono lo sviluppo delle nuove risorse di gas del mediterraneo orientale e la Sen per lo sviluppo del Gnl nell'area del mediterraneo che lo Sviluppo economico sta portando avanti".

Fonte: La Repubblica, Economia -  red. (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]