Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Guerra del gas e Ue: comandano gli Usa
20/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

Gli Stati Uniti sono riusciti a prendere in mano il comando della politica dell’energia su scala mondiale, con la sola eccezione dei rapporti Russia-Cina. Manovrando i prezzi del petrolio tramite lo shale-oil e lo shale-gas, hanno messo fuori gioco l’Opec sui mercati. Quanto all’Europa, basta ricordare che quando Alexis Tsipras vinse le elezioni in Grecia, il primo a telefonargli fu Vladimir Putin, che gli promise un ruolo strategico nel Turkish Stream, gasdotto che nelle intenzioni russe doveva prendere il posto del defunto South Stream. In pochi mesi, però, lo scenario è cambiato. Russia e Turchia, complice la guerra in Siria sono entrate in rotta di collisione; l’incaricato della Casa Bianca per l’energia, Amos Hochstein, ha convinto Tsipras a puntare sul gasdotto Tap. Risultato: due giorni fa Tsipras ha inaugurato la posa del Tap, assieme al vicepresidente della Commissione Ue, a un ministro turco e al ministro dello Sviluppo italiano Carlo Calenda. A completare la partita manca solo il blocco del Nord Stream 2, raddoppio del gasdotto Russia-Germania che taglierebbe fuori Polonia e Ucraina. L’Italia in questa partita sta con gli Usa e Matteo Renzi l’ha detto chiaramente ad Angela Merkel a dicembre in un vertice europeo: come può conciliare le sanzioni anti-Putin con il raddoppio del Nord Stream? Mossa elogiata dagli USA che confermano Renzi come punto di riferimento forte degli Stati Uniti in Europa.

Fonte: Italia Oggi – Tino Oldani (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec

Le nuove sanzioni Usa contro l’Iran non hanno smosso i mercati petroliferi.
[leggi tutto…]

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]