Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Guerra aperta fra Trump e Opec
26/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Dinanzi ai delegati di 193 Paesi l’inquilino della Casa Bianca ha accusato il cartello dei Paesi esportatori di petrolio (12 membri che controllano il 78% delle riserve mondiali) di mantenere artificialmente alto il costo del greggio. L’Arabia Saudita, il maggior produttore di oro nero al mondo, ha però interessi diversi rispetto al presidente statunitense. Il principe ereditario saudita Mohammed Bin Salman ha bisogno di fondi pe finanziare l’ambizioso programma di riforme Vision 2030. Inoltre una fiammata del greggio potrebbe aumentare il valore del colosso petrolifero Saudi Aramco.

Fonte: MF – Francesco Bertolino (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]