Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggio volatile, l’accordo non convince
30/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

Subito dopo aver annunciato mercoledì un’intesa preliminare per tagliare la produzione, le quotazioni dei contratti futures sul greggio hanno guadagnato il 6%. Ieri durante gli scambi il trend sembrava continuare. In una seduta caratterizzata dalla volatilità, la qualità Brent è così salita fino a 49,81 dollari al barile, mettendo a segno un rialzo di oltre il 2% ma ha poi chiuso la seduta con un aumento solo lieve, rispetto a mercoledì a 49,24. E’ ancora presto per dire se la fiammata si è già spenta ma le incognite che pesano sull’intesa dell’Opec – un taglio produttivo tra 300 mila e 700 mila barili al giorno da finalizzare alla fine di novembre – sono molte. E mentre Iran e Arabia Saudita sembrano aver trovato un’intesa, un altro potente membro del Cartello frena contro il taglio dei tetti produttivi: l’Iraq ha già fatto sapere che la quota produttiva che gli dovrebbe essere assegnata sarebbe scorretta perché troppo bassa.

Fonte: Il Sole24Ore – R. Bon. (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]