Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il greggio scende ma stavolta non è colpa di Trump né dello “shale oil”
26/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

La rivoluzione tecnologica del fracking e delle trivellazioni orizzontali ha reso economicamente redditizio sfruttare i giacimenti americani che un tempo erano troppo costosi. La previsione di molteplici fallimenti nell’industria energetica Usa con un petrolio così basso si è rivelata erronea. La marcia degli Stati Uniti verso l’autosufficienza energetica procede. Hanno superato Arabia Saudita e Russia come produttori complessivi di energia.

Fonte: La Repubblica, Affari&finanza – Federico Rampini (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

CO2 da record: costa 50 euro a tonnellata

Il prezzo della Co” sull’Ue Ets ha toccato per la prima volta i 50 euro per tonnellata
[leggi tutto…]

Mite: Dialuce consigliere del ministro

Gilberto Dialuce resta al ministero della Transizione ecologica come consigliere del ministro Roberto Cingolani nell’ambito del Gabinetto
[leggi tutto…]

L’idrogeno ci salverà (ma serve tempo)

L’Unione europea include l’idrogeno tra le tappe necessarie per arrivare a zero emissioni nel 2050.
[leggi tutto…]