Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggio, a rischio il 30% di produzione nazionale
18/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il rischio che chiuda il Centro Olio di Viggiano e il conseguente stop produttivo del giacimento petrolifero lucano della Val d’Agri incombe su Eni con il possibile crollo della produzione nazionale di idrocarburi che, tenuto conto del graduale esaurimento dei giacimenti non compensati da nuove attività di esplorazione in Italia, rischia di essere drammatico per gli effetti economici che potrebbe comportare. Lo scorso anno il blocco della produzione portò a un calo del 30% della prodizione su scala nazionale, con conseguenze, per i mancati introiti della royalties, su Pil, occupazione, tassazione, soprattutto in Basilicata. Questa volta il fermo è il risultato di una delibera della Giunta regionale della Basilicata. In seguito ai controlli della Provincia di Potenza  e dell’Arpab è stata evidenziata  la migrazione della contaminazione, causata dallo sversamento dei serbatoi Cova di Viaggiano, e a fronte di inadempienze e ritardi da parte di Eni rispetto alle prescrizioni regionali.

Fonte: Il Sole 24Ore – Impresa&Territori - Luigia Ierace, Domenico Palmiotti (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]