Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggio ai minimi, chiude la Finder Pumps
14/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

La Finder Pumps, gruppo che fa capo alla multinazionale americana Dover Corporation (conglomerata manifatturiera da 7 miliardi di dollari di ricavi e 26mila dipendenti), ha confermato nei giorni scorsi ’'intenzione di chiudere lo stabilimento di Querceta (Lucca), specializzato nella costruzione di pompe per la distribuzione di oil &gas. Per i 30 lavoratori si prospetta la mobilità. La trattativa sindacale è in corso, con il coinvolgimento della Regione Toscana che ha chiesto all’azienda di utilizzare gli ammortizzatori sociali per gestire gli esuberi e ha ipotizzato l’apertura di un tavolo al ministero dello Sviluppo economico. Ma il gruppo americano sembra deciso a razionalizzare la presenza in Italia, concentrando la produzione nell’altro stabilimento, quello più grande (110 dipendenti) e più moderno di Merate (Lecco). «La causa della chiusura dello stabilimento di Querceta è soprattutto la situazione dell’oil&gas, che è il nostro principale mercato di riferimento – spiegano alla Finder –. Tutti i principali analisti ipotizzano che il prezzo del greggio non tornerà ai livelli degli ultimi anni per un lungo periodo, e ciò sta già causando il rallentamento degli investimenti del settore».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa & Territori

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]