Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggio, estrazioni da primato per la Russia
03/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

La Russia nel 2017 ha visto la propria produzione petrolifera salire a quota 10,98 milioni di barili al giorno (mbg) lo 0,1% in rispetto all’anno precedente. Si tratta del massimo dai tempi del collasso dell’Unione Sovietica. Il leggerissimo aumento assume un rilievo diverso alla luce dell’adesione del Paese al programma Opec per ridurre le estrazioni, favorire il riassorbimento delle scorte a livello mondiale e sostenere la ripresa dei prezzi. Il record russo è stato stabilito grazie agli incrementi produttivi realizzati prima della ratifica del primo accordo sui tagli Opec: infatti l’output russo nell’ottobre 2016 viaggiava al ritmo di 11,23 mbg. Successivamente il paese decise di ridurre l estrazioni di 300 mila bg.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – B. Ce. (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]