Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il greggio azero riconquista la leadership dell’import
08/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il dato, per la verità, era già emerso nei mesi scorsi con l’Azeri light che aveva recuperato la leadership dei flussi di greggio importati in Italia. E, nell’ultima fotografia scattata dall’Unione Petrolifera, il preconsuntivo 2017 presentato nelle scorse settimane, quel primato si è andato consolidando e l’Azerbaijan è tornato a essere il principale paese fornitore per la penisola. Da lì, infatti, è arrivato il 19% del greggio lavorato in Italia, seguito dall’Iran (13,4%), cresciuto moltissimo dopo i primi arrivi iniziati con continuità dall’estate scorsa, e dall’Iraq (12,8%), che, nel 2016, aveva invece guadagnato la vetta proprio a scapito del greggio azero, davanti a tutti anche nel 2015. In netto recupero, poi, gli arrivi dal Medio Oriente (+20% nel 2017 rispetto all’anno prima), per via della spinta proveniente soprattutto dall’Iran: con un peso di oltre il 41%, l’intera area rappresenta il primo mercato di approvvigionamento italiano. Alle spalle, i paesi dell’ex Urss (+6,4%) con un’incidenza del 35 per cento, mentre sono calati gli arrivi dall’Africa (-9,6%), nonostante il buon recupero della Libia. L’Italia conferma così l’ampia diversificazione delle fonti di approvvigionamento anche per il greggio.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]