Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Greggio, l’Arabia taglia i prezzi”
06/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

L'Arabia Saudita ha tagliato in maniera netta i prezzi del petrolio ai propri clienti ieri per cercare di risollevare i conti del Paese e far concorrenza agli produttori del Golfo. Lo ha scritto Marketwatch, sito del gruppo Wall Street Journal. In una lettera spedita alla propria clientela, la compagnia di Stato Aramco ha tagliato il prezzo del Wti light-crude con consegna in Asia di 1,7 dollari al barile. L'effetto è stato di offrire la materia prima a sconto di 1,6 dollari al barile contro le quotazioni medie rivali di Dubai. La società ha poi ridotto il prezzo dei petrolio pesante (heavy oil) con destinazione l'Asia di 2 dollari al barile e di 30 centesimi a barile quello che deve essere spedito negli Stati Uniti. La decisione è arrivata dopo che Iran, Iraq e altri Paesi del Medio Oriente avevano tagliato i prezzi il mese scorso lasciando l'Arabia Saudita con il tariffario più alto. L'Arabia ha continuato a estrarre petrolio in quantità elevate in questi mesi nella speranza che i prezzi più bassi possano stimolare la domanda asiatica e colpire gli Stati Uniti che devono affrontare maggiori costi di produzione con lo shale.

Fonte: MF - Elena Dal Maso (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]