Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggi e prodotti in calo. Si ferma la corsa dei prezzi d'acquisto
03/08/2017 - Pubblicato in news internazionali

Greggi e prodotti petroliferi in calo sui circuiti elettronici internazionali. Il Wti di settembre ha lasciato quota 50 $ con un ribasso di 1,01 $ a 49,16 $/b. Il Brent di ottobre (subentrato al contratto di settembre) ha perso 0,94 $ portandosi a 51,78 $/b. Sono pesate le indiscrezioni di Bloomberg sull'incapacità dell'Opec di tenere a bada la produzione che a luglio sarebbe salita a quota 32,9 milioni di barili al giorno, più delle stime, con un aumento di 210mila barili al giorno. Sul Brent ha influito negativamente il fermo per 15 giorni della raffineria olandese di Pernis da 400mila b/g della Shell. Da registrare l'impennata del cambio euro/dollaro nelle indicative della Bce. Sul mercato interno, dopo 5 aumenti consecutivi, domani mattina la benzina scenderà di 3 euro per mille litri, i gasoli e il denso Btz di 7. Sul Cif Med del 1° agosto, convertito in euro al cambio di 1,1812 dollari, la benzina si è attestata a 351,39 euro per mille litri, il diesel 10ppm a 351,61, il gasolio 0,1 a 338,19 e il denso Btz a 255,46 euro per mille chili.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]