Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggi ai massimi da novembre
22/02/2019 - Pubblicato in news internazionali

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali. Hanno raggiunto infatti il loro massimo di quest'anno e da novembre, nella speranza degli investitori che il mercato si stabilizzi entro fine anno. Gli scambi dei futuri hanno trovato supporto sui tagli alla produzione Opec e della Russia, così come sulle sanzioni statunitensi sui paesi membri dell'Opec: Iran e Venezuela. I prezzi sono stati sostenuti anche dai segnali di progressi nei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina. Trump ha suggerito di essere pronto ad estendere la scadenza della tregua sui dazi oltre il 1° marzo, quando le tariffe per le importazioni cinesi, di circa 200 miliardi $, saliranno dal 10 al 25%.

Fonte: Staffetta Quotidiana ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]