Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggi in forte calo dopo Brexit
28/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

All'indomani dell'esito affermativo del referendum sull'uscita della Gran Bretagna dall'Ue, la cosiddetta Brexit, le quotazioni dei futuri sui greggi hanno perso circa due dollari e mezzo, sia sulla piazza di Londra che su quella di New York. Il contratto di agosto sul Brent è sceso a 48, 41 dollari al barile (-2,5); quello sul Wti a 47,64 $/b (-2,47). Più contenute le perdite del paniere Opec, che ha chiuso la seduta di venerdì in calo di 1,28 dollari a 44,88. Il vice ministro russo con delega all'energia Alexei Texler si aspetta che il mercato del petrolio rimarrà volatile nel breve periodo dopo la Brexit. L'Arabia Saudita ha fatto sapere di aver già adottato alcune cautele sugli asset contabilizzati in sterline ed euro prima che si andasse al voto. Anche gli Emirati Arabi hanno tranquillizzato i mercati interni con dichiarazioni simili.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]