Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggi in forte calo dopo Brexit
28/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

All'indomani dell'esito affermativo del referendum sull'uscita della Gran Bretagna dall'Ue, la cosiddetta Brexit, le quotazioni dei futuri sui greggi hanno perso circa due dollari e mezzo, sia sulla piazza di Londra che su quella di New York. Il contratto di agosto sul Brent è sceso a 48, 41 dollari al barile (-2,5); quello sul Wti a 47,64 $/b (-2,47). Più contenute le perdite del paniere Opec, che ha chiuso la seduta di venerdì in calo di 1,28 dollari a 44,88. Il vice ministro russo con delega all'energia Alexei Texler si aspetta che il mercato del petrolio rimarrà volatile nel breve periodo dopo la Brexit. L'Arabia Saudita ha fatto sapere di aver già adottato alcune cautele sugli asset contabilizzati in sterline ed euro prima che si andasse al voto. Anche gli Emirati Arabi hanno tranquillizzato i mercati interni con dichiarazioni simili.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]