Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggi in calo. Per BP quota 100 non tornerà mai più
27/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Sui circuiti elettronici internazionali, le quotazioni del petrolio hanno perso leggermente quota dopo la divulgazione degli ultimi dati sulle scorte in Usa. Secondo quanto comunicato dal Doe, nell'ultima settimana le scorte di greggio Usa sono aumentate di 2,8 milioni a 488,3 milioni di barili, nonostante il calo delle importazioni, scese nello stesso periodo da 8,3 a 7,8 milioni di barili al giorno. Probabilmente l'aumento delle scorte è stato favorito dal calo del tasso di utilizzo degli impianti di raffinazione, a sua volta sceso dal 90,7% all'88,3%. Sono aumentate anche le scorte degli altri prodotti. I prezzi del greggio sono stati spinti al ribasso anche dalle ultime previsioni di BP, contenute nel BP Energy Outlook, dove si legge che la bolla del petrolio durerà a lungo: i produttori si faranno sempre più la guerra per mantenere le loro quote di mercato, assottigliate dalle nuove scoperte per produrre energia da fonte rinnovabile. Questo farà sì che i paesi produttori produrranno sempre più e a prezzi bassi per contrastare la concorrenza. Mercoledì il Paniere Opec, composto da 14 greggi diversi, è scivolato a 52,14 dollari al barile (-0,43).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]