Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il grande domino del Mediterraneo tra pozzi e dispute territoriali
12/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Da quando venerdì le navi militari turche hanno imposto alla Saipem 12000 di bloccare la sua rotta verso il “blocco 3” di Cipro, il Grande Gioco del gas nel Mediterraneo orientale è diventato assai duro. La Turchia ha minacciato l’uso delle armi per una contesa economica, che tra l’altro neppure la riguarda direttamente (Ankara tutela il suo vassallo Cipro Nord). Le leggi del mare vietano un comportamento del genere, e affidano la soluzione di queste controversie ai tribunali internazionali. Il problema è che quella parte del Mediterraneo dal 2010, dopo le prime scoperte in Israele, da anni è diventata la terra promessa del gas, ma è anche l’area in cui guerre, rivalità e scontri geopolitici di ogni tipo sono in corso e sono assolutamente prevedibili. Il caso Cipro è solo uno: ci sono lo scontro fra Libano e Israele, la pace fredda tra Israele ed Egitto, la possibilità che un giorno perfino la Siria di Assad inizia ricordarsi di avere un affaccio sul Mediterraneo e crei altri problemi. I tasselli del mosaico sono tutti in movimento abbastanza confuso: è inevitabile che per andare ad incastro gli aspetti geologici, l’esplorazione, la tecnica debbano incrociarsi con l’economia, con la redditività di ogni scoperta. Ma anche con le rivalità politiche e militari.

Fonte: La Repubblica – Vincenzo Nigro (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]