Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gnl Sardegna, la Giunta tra rigassificatori e stoccaggi
18/07/2015 - Pubblicato in stoccaggi

Rigassificatori nelle aree industriali di Porto Torres e Sarroch oppure mini stoccaggi che permettano di distribuire il gas nei 38 bacini previsti. Queste le due ipotesi cui sta lavorando la giunta regionale per la metanizzazione della Sardegna. A presentarle l'assessore regionale all'Industria, Maria Grazia Piras, che ha illustrato in anteprima le linee guida del nuovo piano energetico regionale al “conclave di Sanluri”, l'incontro tra giunta e maggioranza svoltosi lunedì scorso. La giunta non ha ancora sciolto la riserva tra le due soluzioni, mentre il Pd sardo ha optato con fermezza per la soluzione degli stoccaggi. E proprio una parlamentare del Pd della Sardegna, Giovanna Sanna, ha depositato presso le commissioni Finanze e Attività produttive della Camera un emendamento al ddl Concorrenza - che però è stato in seguito dichiarato inammissibile - per disciplinare l'autorizzazione e l'esercizio di depositi costieri di Gnl di capacità non superiore a 25.000 metri cubi, provvisoriamente attraverso le norme del decreto legislativo 128/06 sul Gpl, e successivamente attraverso il recepimento della direttiva 2014/94 sui carburanti alternativi, il cui termine è anticipato al 31 dicembre 2015 (attualmente è il 18 novembre 2016).

Fonte: Staffetta Quotidiana 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]