Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gnl Gela, ancora sei mesi di studio per Eni
09/06/2016 - Pubblicato in news nazionali

Mentre sono in corso i lavori per la conversione “green” della raffineria di Gela, per il polo del Gnl “small scale” Eni è ancora nella fase di studio, con due possibilità in fase di valutazione, su cui ci sarà un approfondimento nei prossimi sei mesi con il ministero dello Sviluppo economico, l'amministrazione regionale e quella comunale. È quanto comunica la società in una nota diffusa a valle dell'incontro svoltosi oggi nella località siciliana per presentare un aggiornamento sulla riconversione della raffineria. Lo studio di una base logistica a Gela per la distribuzione di Gnl/Cng completato nel 2015 indica “due soluzioni meritevoli di approfondimenti, riguardanti impianti Gnl di piccola taglia focalizzati su un mercato regionale”. Sulla questione “si è tenuto il 31 maggio il primo tavolo tecnico con Mise, Regione Sicilia e amministrazione comunale di Gela per l'avvio di una fase di approfondimento della durata di circa 6 mesi per verificare la sussistenza delle condizioni tecniche e commerciali per sviluppare una iniziativa a livello industriale”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Il governo riapra il tavolo con le imprese per l’energia”

Noi imprenditori non siamo contro la decarbonizzazione. Anche le aziende energivore pensano che la sfida della transizione ambientale possa essere un’opportunità di crescita, ma vogliamo poter competere alla pari con gli altri Paes
[leggi tutto…]

La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno
[leggi tutto…]

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]