Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa GNL, accordo ventennale Qatargas-PetroChina
13/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Qatargas ha annunciato un accordo di fornitura di GNL a lungo termine con PetroChina, per circa 3,4 milioni di tonnellate di GNL l'anno. L'accordo ha una durata di 22 anni, fino al 2040. Il gas proverrà dal progetto Qatargas 2, joint venture tra Qatar Petroleum, ExxonMobil e Total. Il primo carico sarà consegnato alla fine di settembre. Saad Sherida Al-Kaabi, presidente e Ceo di Qatar Petroleum e presidente del consiglio di amministrazione di Qatargas, ha dichiarato: “Desidero ringraziare il governo della Repubblica popolare cinese e PetroChina per questo importante accordo che sottolinea le capacità del Qatar nel garantire la sicurezza energetica ai paesi di tutto il mondo, in particolare in Asia, nonché la sua posizione unica come più grande produttore di GNL al mondo”. Khalid Bin Khalifa Al-Thani, Ceo di Qatargas, ha dichiarato: “Questo è un traguardo importante per Qatargas. Siamo lieti che il GNL di Qatargas continui a contribuire a soddisfare l'enorme domanda di energia nella seconda economia più grande del mondo. La Cina dovrebbe diventare uno dei mercati di gas più grandi del mondo e questo accordo rafforzerà ulteriormente la relazione esistente tra Qatargas e PetroChina nel lungo termine”. L'accordo, conclude la nota, consente flessibilità nella fornitura di GNL a vari terminali in tutta la Cina, tra cui Dalian, Jiangsu, Tangshan e Shenzhen LNG, utilizzando la flotta Qatargas di 70 navi Q-Flex e Q-Max. Qatargas è la più grande azienda produttrice di GNL del mondo con una capacità produttiva annua di 77 milioni di tonnellate. PetroChina è il più grande fornitore di gas della Cina e ha coperto il 66% della domanda interna nel 2017. Il consumo di gas in Cina è cresciuto del 15% nel 2017, con le importazioni di GNL in crescita di oltre il 40%.

 

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]