Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I giacimenti petroliferi italiani accertati sono pari a quelli del Mare del Nord
06/04/2018 - Pubblicato in news nazionali

Lo sfruttamento delle risorse energetiche giacenti in Italia e suoi dintorni marini potrebbe risolverne i tre massimi problemi: debito pubblico, depressione endemica del sud e irrilevanza geopolitica nell’Ue. Senza un plus di ricchezza e forza geoeconomica l’Italia non riuscirà con la sola crescita del Nord industriale né a ridurre in quantità sufficienti il debito né a finanziare il Sud penalizzato dalla geomarginalizzazione. I giacimenti accertati sono di volume simile a quelli del Mare del Nord e Norvegia, ma quelli potenziali promettono dimensioni tali da rendere in prospettiva l’Italia il maggiore fornitore europeo. Tale evidenza ha iniziato a modificare la decennale politica di disinteresse dei governi italiani in materia di sfruttamento dei giacimenti nazionali e marini, provata in modo scandaloso dal cedimento nel Trattato di Caen sui confini con la Francia.

Fonte: ItaliaOggi – Carlo Pelanda (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]