Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gestori e analisti vedono un rialzo del petrolio
03/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Nel 2016 il prezzo del Brent è salito del 56% e quello del Wti del 45%. Determinante è stato l’accordo concluso a fine novembre, in base al quale la maggior parte dei membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) e altri 11 produttori inizieranno a ridimensionare la produzione a partire da questo mese. A che livelli si attesterà il prezzo nel 2017? La stima di Bank of America-Merrill Lynch sul Brent è 61 dollari al barile, con la possibilità di toccare un massimo di 70 dollari verso la metà dell’anno. Quella sul Wti è invece 59 dollari. A parere degli esperti, «l’Arabia Saudita e gli altri Paesi del Golfo taglieranno la produzione di greggio in base a quanto stabilito, ma la Russia e altri Paesi potrebbero congelarla sui livelli attuali o ridurla solo in misura modesta». Da Barclays il prezzo medio del Wti è stimato a 55 dollari al barile nel primo trimestre 2017. Si tratta di una previsione invariata rispetto a quelle precedenti, ma la quotazione del petrolio potrà essere spinta al ribasso dalle condizioni meteo, dall’aumento dell’offerta e dai margini reddituali più deboli.

Fonte: MF – Red. (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]