Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Germania acquista gas liquefatto dagli Stati Uniti
23/10/2018 - Pubblicato in news internazionali

La Germania comprerà gas naturale liquefatto dagli Usa, decisione che la Merkel definisce strategica per la Germania e non come una sconfitta. Tuttavia, il gnl americano costa il 20% in più del gas che arriva direttamente dalla Russia grazie al gasdotto Nord Stream. Una concessione al Presidente Trump in vista dei futuri negoziati per rivedere gli accordi commerciali con la Ue e nel tentativo di ridurre l’incidenza dell’export di Mosca. L’opera da 500 milioni di euro prevede la costruzione di un terminale navale per il gas liquefatto nel Nord della Germania. Pochi giorni dopo il via libera della Merkel, un consorzio internazionale ha presentato al governo tedesco la domanda per realizzare il terminal navale nella città di Stade, vicino Amburgo e in un’area in cui sorgono gli impianti chimici dell’americana Dow – parte del consorzio insieme al gruppo finanziario australiano Macquarie e dalla China Harbour Engineering Company. Altri due consorzi dovrebbero presentare il loro progetto a breve e il governo tedesco dovrebbe prendere una decisione entro l’anno. Una prima apertura al gas americano è arrivata la scorsa settimana dalla Polonia, con l’accordo Pgnig- American Venture Global Lng.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Riccardo Barlaam (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]