Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Germania acquista gas liquefatto dagli Stati Uniti
23/10/2018 - Pubblicato in news internazionali

La Germania comprerà gas naturale liquefatto dagli Usa, decisione che la Merkel definisce strategica per la Germania e non come una sconfitta. Tuttavia, il gnl americano costa il 20% in più del gas che arriva direttamente dalla Russia grazie al gasdotto Nord Stream. Una concessione al Presidente Trump in vista dei futuri negoziati per rivedere gli accordi commerciali con la Ue e nel tentativo di ridurre l’incidenza dell’export di Mosca. L’opera da 500 milioni di euro prevede la costruzione di un terminale navale per il gas liquefatto nel Nord della Germania. Pochi giorni dopo il via libera della Merkel, un consorzio internazionale ha presentato al governo tedesco la domanda per realizzare il terminal navale nella città di Stade, vicino Amburgo e in un’area in cui sorgono gli impianti chimici dell’americana Dow – parte del consorzio insieme al gruppo finanziario australiano Macquarie e dalla China Harbour Engineering Company. Altri due consorzi dovrebbero presentare il loro progetto a breve e il governo tedesco dovrebbe prendere una decisione entro l’anno. Una prima apertura al gas americano è arrivata la scorsa settimana dalla Polonia, con l’accordo Pgnig- American Venture Global Lng.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Riccardo Barlaam (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]