Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Germania, nel 2016 domanda gas +10%
22/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Metano +16,5 TWh sale al 12% del mix elettrico, carbone in calo -12,2 TWh ma resta prima fonte al 40%. Record delle esportazioni a 55,5 TWh. Consumi elettrici in leggero calo e domanda di gas in crescita. Sono questi, in breve, i dati salienti raccolti in un'analisi presentata martedì dalla Bdew (Bundesverband der Energie- und Wasserwirtschaft), l'associazione confindustriale tedesca per l'energia e l'acqua. La domanda di metano del paese è vista in aumento del 10% a 940 TWh, il valore più alto dal 2013. I consumi di elettricità calano invece dello 0,4% a 592,7 TWh. Il gas è l'unica fonte a crescere in percentuale nel mix elettrico tedesco passando al 12% del paniere rispetto al 10% dello scorso anno con 16,5 TWh in più. Un aumento trainato soprattutto da un suo maggiore utilizzo nei nuovi impianti di cogenerazione ad alta efficienza (CHP). Carbone e lignite restano la fonte principale per la produzione energetica con il 40% del mix produttivo, con un calo di 12,2 TWh che gli fa perdere un punto percentuale. Perde terreno anche il nucleare, mantenendo comunque il 13% del paniere energetico con un calo di 7 TWh, mentre l'output di rinnovabili è cresciuto complessivamente di 4 TWh, con una percentuale sul totale della generazione elettrica del 29,5% (e del 32,3 se consideriamo solo la domanda domestica). Continua a crescere nel complesso la produzione con un surplus di esportazione netto arrivato alla quota record di 55,5 TWh, superando quindi la Francia come più grande esportare europeo di elettricità.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]