Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Geopolitica, scorte e Fed rilanciano il petrolio
22/03/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio si è risvegliato apprezzandosi di oltre il 5% in due giorni e riportandosi molto vicino ai livelli record di gennaio. A riportare gli acquisti sui mercati petroliferi è stata una pluralità di fattori, che hanno fatto dimenticare – almeno per ora – l’esuberanza dello shale oil. Gli Usa hanno di nuovo aggiornato il record di produzione la settimana scorsa, estraendo 10,4 milioni di barili al giorno. Ma le statistiche Eia hanno evidenziato anche un calo consistente e inatteso delle scorte, che ha avuto un deciso effetto rialzista: -2,6 mb per il greggio, 1,7 mb per le benzine e -2 mb per i distillati. Dietro i rialzi del greggio in parte c’è anche lo zampino dell’Opec. I tagli produttivi – volontari o meno – sono sempre più forti, con un’adesione ai tetti che a febbraio è arrivata al 138%.  E la promessa di una vistosa riduzione dell’export si sta anch’essa realizzando: la settimana scorsa gli Usa hanno acquistano appena 1,86 mbg da sette Paesi membri del gruppo

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]