Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gentiloni: azeri fiduciosi su Tap, Italia nel “gas to plastic”
11/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Intervista al ministro degli Esteri al ritorno dalla missione nel Caucaso

Il ministro degli Esteri Italiano Paolo Gentiloni ha rassicurato il governo dell'Azerbaigian sull'avanzamento del progetto Tap che, dopo le preoccupazioni espresse dalla compagnia di Stato Socar, si è detto fiducioso che il gasdotto procederà nei tempi previsti. In un'intervista il ministro ha spiegato che al 2020 arriveranno in Italia dal Paese del Caspio 2 miliardi di metri cubi, per poi andare a regime negli anni successivi. Negli incontri col ministro dell'Energia Aliyev non si è parlato del progetto russo-turco Turkish Stream ma delle opportunità per le aziende italiane nello sviluppo industriale del Paese, a cominciare dal progetto da 4 miliardi di euro di polo petrolchimico “gas to plastic” di Socar ma anche nella distribuzione gas. La sicurezza energetica è certamente parte integrante della politica estera dell'Italia e dell'Unione Europea. L'Europa attualmente consuma 420 miliardi di metri cubi e ne importa poco meno di 300. Per il 2020, le importazioni aumenteranno di oltre 35 miliardi di metri cubi a causa del recupero della domanda e soprattutto del calo delle produzioni interne. Dei maggiori volumi di import, solo due miliardi di metri cubi al 2020 arriveranno in Italia dal Caspio. Successivamente, al 2030, il Caspio fornirà 10 miliardi di metri cubi all'Italia e da qui in Europa.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]