Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gazprom mette all’asta il gas
04/08/2015 - Pubblicato in news internazionali

Gazprom a settembre metterà all'asta 3,2 miliardi di metri cubi di gas: una mossa inedita per il gruppo, che finora - almeno ufficialmente - ha sempre utilizzato contratti di fornitura pluriennali, che vincolano a pagare un volume minimo di gas anche quando non viene ritirato. Le aste, che riguardano gas consegnabile in Germania tra ottobre e marzo, non sostituiscono i tradizionali canali di vendita, sottolinea Gazprom Export, responsabile della commercializzazione all'estero: «Affrontiamo la sfida di un mercato dell'energia meccanismo di vendite, che diventerà uno strumento addizionale ma non alternativo al sistema dei contratti di lungo termine, che garantiscono sicurezza energetica all'Europa». La spiegazione più immediata della svolta è di tipo economico. I contratti di Gazprom prezzano il gas in base a formule indicizzate a prodotti petroliferi (anche se di recente sono stati introdotti elementi correttivi, compreso talvolta un riferimento ai prezzi spot del gas). Il crollo del petrolio è stato devastante per il gruppo russo, già in difficoltà al punto che la sua produzione rischia di scendere al minimo storico. 

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & mercati 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]