Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gazprom completa prima linea TurkStream
01/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Gazprom ha annunciato lunedì in una nota di aver completato la costruzione della parte offshore della prima linea del gasdotto sotto il Mar Nero verso la Turchia, TurkStream. Sulla costa turca, nelle vicinanze di Kiyykey, è in corso la costruzione di un terminal e una volta terminata il lavoro sulla prima linea, destinata al mercato turco, sarà completata. Nella nota Gazprom prevede che la nave posatubi Pioneering Spirit, che ha realizzato la prima linea, dovrebbe iniziare la posa della seconda, stavolta destinata al mercato europeo, nel terzo trimestre 2018. Ciascuna linea dei TurkStream ha una capacità di 15,75 miliardi di mc/anno e in realtà per avviare i lavori sulla seconda, destinata rifornire l'Europa, Gazprom avrà bisogno definire insieme alla Ue il regime di utilizzo, considerati anche i passati disaccordi sul progetto South Stream che hanno contribuito in misura rilevante alla decisione russa di cancellare il progetto. Gazprom ha fatto sapere che la posa della prima linea, iniziata a maggio 2017, ha proceduto a un ritmo di di 4,3 km al giorno con una punta di 5,6 km/g raggiunta due volte in febbraio. La Turchia è attualmente il secondo maggiore mercato di esportazione di Gazprom. Attualmente il gas russo è fornito alla Turchia attraverso il gasdotto Blue Stream e il corridoio Trans-Balcanico. Nel 2017, Gazprom ha esportato sul mercato turco un volume record di gas - 29 mld mc, 4,3 o il 17,3% in più rispetto al 2016 e 1,7 o il 6,2% in più rispetto al precedente record del 2014 (27,3 mld mc).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]