Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gasolio dell’Isis venduto in Italia
19/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

È stato stroncato un contrabbando di gasolio che dalla Libia portava il carburante fino a stazioni di servizio italiana e che probabilmente era gestito da affiliati all’Isis. Così ritiene il Procuratore della Repubblica di Catania Zuccaro, già noto per le sue indagini sulle Ong pro-migranti. La cosiddetta operazione ‘dirty oil’ con cui la Guardia di Finanza ha concluso un anno di indagini arrestando sei persone, e spiccando mandati contro tre latitanti è tornata in auge. L’organizzazione cui si fa riferimento trafugava il gasolio dalla raffineria libica di Zawyia, 40 km a ovest di Tripoli, imbarcandolo su natanti che lo trasportavano in Sicilia per conto della società Maxcom Bunker. Poi il carburante veniva smerciato a distributori compiacenti in Italia, Francia e Spagna.

Fonte: Libero – Mirko Molteni (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

I prezzi della CO2 alle stelle: pericoli per famiglie e imprese

Il mercato europeo dell’energia elettrica oggi è caratterizzato da un tale squilibrio da rendere inevitabile un amaro rincaro della bolletta.
[leggi tutto…]

Stoccaggi gas, prelievi record in Europa

Nell’inverno 2020-2021 raggiunta quota 720 TWh
[leggi tutto…]

Snam & C, i primi utili dal Tap

Dall’inizio dell’anno il gasdotto Tap ha già trasportato oltre 1,3 miliardi di metri cubi di gas. Ma ancora prima, nel corso del 2020, ha iniziato anche a far affluire i primi utili nelle casse degli azionisti del consorzio Tap Ag
[leggi tutto…]