Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gasdotto Tap costerà 4,5 mld
15/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Dopo tante stime ufficiose c’è finalmente una cifra certa. E sono buone notizie per gli azionisti del consorzio Tap Ag, che realizzerà la parte finale del gasdotto tra Azerbaijan e Italia, attraverso il cosiddetto Corridoio Sud. Il saldo totale degli investimenti necessari, infatti, è più basso del previsto: 4,5 miliardi di euro rispetto alla forchetta di 5,6-6 miliardi accreditata finora dal mercato. Di conseguenza, scende pro-quota il contributo a carico di ciascun azionista. Del consorzio Tap Ag fanno parte sei soci: Snam (20%), BP (20%), Socar (20%) Fluxys (19%), Enagás (16%) e Axpo (5%). Oggi la società è responsabile dello sviluppo e dell’esercizio dell’infrastruttura di trasporto del gas dalla zona di confine tra Grecia e Turchia al Sud Italia (Puglia), ma a lavori ultimati diventerà gestore del sistema di trasmissione, garantendo la capacità di trasporto per consentire a shipper e produttori di commercializzare il proprio gas. Nel frattempo è quasi completata la fase 2 dello sviluppo di Shah Deniz, il mega giacimento azero dal quale, a partire dal 2020, arriverà il gas destinato ai mercati raggiunti dal Tap fino all’approdo finale in Italia, sulle coste pugliesi. Il gasdotto Tap, a regime, trasporterà fino a 8 miliardi di metri cubi di gas l’anno.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]