Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gasdotto pugliese va fatto a dispetto delle lagne cinquestelle
25/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La tenuta del Movimento 5 Stelle al governo passa dal gasdotto Tap in Puglia. Simbolo di indipendenza energetica e di crescita, di investimenti, sviluppo e infrastrutture. La legittimazione del Tap, già voluto dai precedenti governi e dall’Europa, è arrivata direttamente da Baku, in Azerbijan, dove il grande tubo della discordia comincia, da parte del Presidente della Repubblica. Risultano ancora non spesi dieci milioni di investimenti infrastrutturali nell’area interessata, che però non trovano utilizzo perché le amministrazioni locali vi si oppongono. Ma a parte le beghe interne, quello del gasdotto Tap è un tema che va a toccare anche i rapporti internazionali dell’Italia che passano attraverso la politica energetica. Non a caso, la visita del Presidente Mattarella in Azerbaijan, più volte rimandata, è arrivata dopo il vertice Nato di Bruxelles dell’11 e 12 luglio scorso.

Fonte: Libero – Paola Tommasi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec

Le nuove sanzioni Usa contro l’Iran non hanno smosso i mercati petroliferi.
[leggi tutto…]

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]