Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gasdotto pugliese va fatto a dispetto delle lagne cinquestelle
25/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La tenuta del Movimento 5 Stelle al governo passa dal gasdotto Tap in Puglia. Simbolo di indipendenza energetica e di crescita, di investimenti, sviluppo e infrastrutture. La legittimazione del Tap, già voluto dai precedenti governi e dall’Europa, è arrivata direttamente da Baku, in Azerbijan, dove il grande tubo della discordia comincia, da parte del Presidente della Repubblica. Risultano ancora non spesi dieci milioni di investimenti infrastrutturali nell’area interessata, che però non trovano utilizzo perché le amministrazioni locali vi si oppongono. Ma a parte le beghe interne, quello del gasdotto Tap è un tema che va a toccare anche i rapporti internazionali dell’Italia che passano attraverso la politica energetica. Non a caso, la visita del Presidente Mattarella in Azerbaijan, più volte rimandata, è arrivata dopo il vertice Nato di Bruxelles dell’11 e 12 luglio scorso.

Fonte: Libero – Paola Tommasi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]