Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gasdotto Nord Stream, Renzi gela Putin: “L’Italia non perde la faccia per due tubi”
12/01/2016 - Pubblicato in news internazionali

Nonostante gli ottimi rapporti, gela Vladimir Putin che corteggia il premier italiano per far entrare l'Eni nel raddoppio della nuova pipeline da 11 miliardi di costo e da 110 miliardi di metri cubi di gas che dalla Russia, passando sotto il Mar Baltico, dovrebbe raggiungere la Germania. Obiettivo: allargare il consenso e ottenere il via libera della Commissione europea a un progetto su cui si deve esprimere l'Antitrust di Bruxelles. A palazzo Chigi non negano che il progetto sarebbe «economicamente vantaggioso per le nostre aziende». Ma sono decisamente infastiditi dalle notizie che descrivono il governo favorevole all'accordo. Questo perché, al Consiglio europeo del 17 dicembre, fu proprio Renzi a puntare il dito contro il raddoppio del Nord Stream. Il premier italiano, dopo che la Commissione aveva bocciato la pipeline South Stream in cui era coinvolta Eni con la controllata Saipem, accusò apertamente Angela Merkel di «ipocrisia». «È di dubbio gusto confermare le sanzioni alla Russia senza una discussione, se dall'altra parte si fa passare alla chetichella il raddoppio del North Stream». Renzi annotò inoltre di aver «sollevato un dibattito molto intrigante», facendo sapere che «solo Germania e Olanda» si erano «espresse contro». «E ora non è certo possibile», sostengono a palazzo Chigi, «che la posizione del governo italiano cambi solo per l'invito di Putin a costruire...due tubi. Qui è in gioco la sicurezza energetica europea, l'indipendenza degli approvvigionamenti di gas da Mosca, la sicurezza il gasdotto North Stream gasdotti esistenti».

Fonte: Il Messaggero

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]