Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gasdotti, Saipem in corsa per il Grecia-Bulgaria
12/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Una dozzina di soggetti, tra cui Saipem, hanno presentato la proposte iniziali per la realizzazione dell'interconnector Grecia Bulgaria (ICGB) che permetterà di veicolare il gas del Corridoio Sud verso i Balcani. Lo ha annunciato la stessa società, partecipata alla pari dallla Bulgarian Energy Holding dello Stato bulgaro e da Igi Poseidon, jv paritaria tra la greca Depa e Edison, che in parallelo porta avanti anche un progetto omonimo di gasdotto Grecia-Italia. ICGB aveva avviato la gara in aprile per la progettazione fornitura e costruzione del gasdotto a 182 km dal costo stimato di 145 mln di euro. Il vincitore della gara avrà 18 mesi per completare l'opera. Accanto a Saipem hanno presentato proposte un consorzio che include l'azera SOCAR, un'altra italiana, la Sicim, la greca J&P Avax, la turca Fernas, un consorzio tra Sicilsaldo, Nuova Ghizzoni e Inrakat, e uno tra la tedesca Max Streicher e la greca Terna. ICGB dovrà ora compilare una shortlist. Attraverso il futuro gasdotto la Bulgaria di punta a importare 1 mld mc/a di gas azero, introducendo per la prima volta un secondo fornitore di gas sul marcato nazionale accanto alla Russia.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]