Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, Vicari: nuove infrastrutture anche senza mercato
30/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

"Riteniamo che occorra sostenere dei costi per la realizzazione e il mantenimento di infrastrutture che consentano la diversificazione delle fonti, delle rotte, e dei fornitori, anche se il mercato non lo richiederebbe. E' uno strumento di sicurezza giustificato perché la risposta all'emergenza sarebbe meno efficiente". Lo ha affermato la sottosegretaria del ministero dello Sviluppo, Simona Vicari, all'Italian Energy Summit. La sottosegretaria vede nel gas l'elemento indispensabile per la sicurezza degli approvvigionamenti e dal punto di vista ecologico: "Bisogna rendere il mercato del gas più liquido, il gas è indispensabile per la decarbonizzazione e per il bilanciamento delle fonti rinnovabili". Secondo la sottosegretaria nonostante la richiesta di energia non sia in crescita bisognerà andare ad agire sul mix perché diventi più verde: "Per quanto concerne il settore gas la sicurezza delle forniture è essenziale per garantire un graduale e sostenibile perseguimento degli obiettivi di decarbonizzazione soprattutto a lungo termine". "L'Unione Energetica – ha aggiunto – dovrà andare ad agire perché l'approvvigionamento sia a costi competitivi sia nel settore del gas che nel settore elettrico. A maggio l'anno scorso a Roma nel pieno della crisi russa abbiamo affermato che la sicurezza energetica dipende significativamente dai Paesi amici, Questo potrebbe rendere il mercato del gas più liquido". Con l'Unione energetica “si è delineato con chiarezza l'obiettivo più ambizioso degli ultimi 20 anni. La presidenza lussemburghese sta negoziando un testo di conclusioni di governance dell'Unione Energetica che andrà in approvazione ai ministeri dell'energia a dicembre. A tal proposito nel mese di novembre verranno espresse delle schede Paese che saranno inserite nel primo rapporto sullo stato dell'Unione energetica".

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Il governo riapra il tavolo con le imprese per l’energia”

Noi imprenditori non siamo contro la decarbonizzazione. Anche le aziende energivore pensano che la sfida della transizione ambientale possa essere un’opportunità di crescita, ma vogliamo poter competere alla pari con gli altri Paes
[leggi tutto…]

La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno
[leggi tutto…]

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]