Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, i segnali di Mosca all'Italia
19/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

La Russia vede un prossimo "ampliamento” dei rapporti tra Eni e Gazprom, con la firma di documenti al prossimo forum di San Pietroburgo, conta su una “promozione” attiva da parte dei partner italiani del progetto di gasdotto Grecia-Italia Poseidon ma ribadisce che Mosca potrà rifornire l'Italia anche attraverso il Nord Stream 2. E' quanto è emerso nel fine settimana in occasione di una visita in Italia del ministro degli esteri russo Aleksander Novak e di un incontro tra il ministro degli esteri Paolo Gentiloni e con lo stesso ministro russo e col vice premier Arkady Dvorkovich. "Poseidon – ha dichiarato Novak in un'intervista all'Ansa - consisterà di due sezioni, terrestre e marittima; si prevede che la capacità del gasdotto terrestre ammonterà a 9-16 miliardi di metri cubi all'anno mentre la sezione marittima avrà una capacità di 10-12 miliardi di metri cubi". "Contiamo sulla promozione attiva da parte dei nostri partner italiani per la realizzazione dei progetti su tutta l'infrastruttura necessaria a portare il gas dalla costa russa del Mar Nero all'Italia, sia a livello delle autorità Ue, sia nei rapporti con i paesi terzi attraverso i cui territori passerà il gasdotto". "Poseidon – ha concluso il ministro - è realizzato senza agevolazioni dell'Ue e corrisponde in pieno alla legislazione europea".

La rotta del Poseidon, ha detto Dvorkovic dopo l'incontro con Gentiloni, “non è stata ancora decisa, è una questione separata (...) E' stato firmato un memorandum – ha ricordato – e la società che prevedono di essere coinvolte, Gazprom, la greca Depa e Edison, condurranno gli studi necessari e decideranno la prossima mossa. Forse raggiungeranno accordi specifici”, si legge in un articolo di Interfax. A una domanda dell'Ansa sull'apparente minor interesse di Eni per la Russia rispetto al passato e sull'uscita di Enel dalla generazione a carbone nel Paese, Novak ha replicato che di vedere rapporti solidi con l'Italia. "Siamo lieti di notare che la cooperazione fra l'Italia e la Russia continua a svilupparsi nonostante le evidenti limitazioni politiche ed economiche: per noi è molto importante e siamo grati ai colleghi italiani per l'approccio costruttivo. I rapporti più solidi nel settore del gas si sono formati tra Gazprom ed Eni. La cooperazione sarà ampliata ulteriormente, in particolare è prevista la firma di una serie di documenti a margine del Forum Internazionale Economico a San Pietroburgo".

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]