Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gas russo arriva in Cina. Ora l’Europa è più debole
05/07/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

400 miliardi di euro di valore tra investimento e forniture di gas, 10 anni di negoziati e un metanodotto lungo 4 mila chilometri all’estremo est dell’Asia. Da dicembre 2019 l’alleanza tra Cina e Russia sarà stabile e l’Europa diventerà un po’ più debole, in quanto smetterà di essere l’unico mercato di sbocco del gas russo. Nel frattempo Berlino e Bruxelles stanno decidendo se raddoppiare il Nord Stream (Siberia-Germania) per non rimanere indietro rispetto alla trattativa Cina-Russia.

Fonte: La Repubblica, Economia – Luca Iezzi (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]