Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gas russo arriva in Cina. Ora l’Europa è più debole
05/07/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

400 miliardi di euro di valore tra investimento e forniture di gas, 10 anni di negoziati e un metanodotto lungo 4 mila chilometri all’estremo est dell’Asia. Da dicembre 2019 l’alleanza tra Cina e Russia sarà stabile e l’Europa diventerà un po’ più debole, in quanto smetterà di essere l’unico mercato di sbocco del gas russo. Nel frattempo Berlino e Bruxelles stanno decidendo se raddoppiare il Nord Stream (Siberia-Germania) per non rimanere indietro rispetto alla trattativa Cina-Russia.

Fonte: La Repubblica, Economia – Luca Iezzi (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]