Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gas russo arriva in Cina. Ora l’Europa è più debole
05/07/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

400 miliardi di euro di valore tra investimento e forniture di gas, 10 anni di negoziati e un metanodotto lungo 4 mila chilometri all’estremo est dell’Asia. Da dicembre 2019 l’alleanza tra Cina e Russia sarà stabile e l’Europa diventerà un po’ più debole, in quanto smetterà di essere l’unico mercato di sbocco del gas russo. Nel frattempo Berlino e Bruxelles stanno decidendo se raddoppiare il Nord Stream (Siberia-Germania) per non rimanere indietro rispetto alla trattativa Cina-Russia.

Fonte: La Repubblica, Economia – Luca Iezzi (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]

Gas: a novembre frenano le centrali, industria ancora in caduta

Consumi di gas italiani in calo a novembre per una flessione a doppia cifra del termoelettrico, la prima riduzione da nove mesi in questo settore di consumo, e un nuovo forte calo dell'industria che hanno compensato la ripresa della domanda per risca
[leggi tutto…]

Il gas russo apre la via per la Cina: l’Europa non è più l’unico mercato

Per la prima volta un gasdotto russo punta in direzione opposta all’Europa
[leggi tutto…]