Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gas russo arriva in Cina. Ora l’Europa è più debole
05/07/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

400 miliardi di euro di valore tra investimento e forniture di gas, 10 anni di negoziati e un metanodotto lungo 4 mila chilometri all’estremo est dell’Asia. Da dicembre 2019 l’alleanza tra Cina e Russia sarà stabile e l’Europa diventerà un po’ più debole, in quanto smetterà di essere l’unico mercato di sbocco del gas russo. Nel frattempo Berlino e Bruxelles stanno decidendo se raddoppiare il Nord Stream (Siberia-Germania) per non rimanere indietro rispetto alla trattativa Cina-Russia.

Fonte: La Repubblica, Economia – Luca Iezzi (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]

L’ordine degli Usa a Salvini: “Fai completare il Tap”

Nel colloquio che Salvini ha avuto l’altro ieri con il vicepresidente statunitense Mike Pence è emerso un fattore che la delegazione italiana non aveva previsto: il Tap
[leggi tutto…]