Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, chi ricorda l'età dell'oro?
09/06/2016 - Pubblicato in news nazionali

A cinque anni dal report sulla futura “età dell'oro” del gas il mondo è cambiato e l'Aie rivede gli scenari. Nel Medium Term Gas Market Report 2016, pubblicato ieri l'agenzia internazionale dell'energia evidenzia come la domanda globale di gas sia rallentata nonostante il crollo dei prezzi, inducendo l'industria di settore a domandarsi se non siamo di fronte all'inizio di una fase di crescita più lenta dei consumi di metano. E rimarca che sotto questo profilo un fattore decisivo sarà il mondo in cui gli Stati rivedranno le loro politiche ambientali alla luce della Conferenza di Parigi. Il tutto mentre prezzi e domanda bassi - col calo della richiesta asiatica confermatosi anche nel 2015 - e aumento di offerta, con l'entrata in funzione di crescente capacità di Gnl in Usa e altrove, hanno ricadute anche sui pattern di scambio, sui meccanismi di prezzo e le strutture di mercato. La domanda globale di gas, secondo il report Aie, dovrebbe essere tornata a crescere nel 2015 dopo la stagnazione del 2014, facendo segnare un +1% all'anno dal 2012 contro il 2,2% del decennio precedente. Al 2021 Aie prevede una domanda globale a 3.900 miliardi di mc con un incremento dell'1,5% all'anno dal 2015 al 2021. Nel periodo è visto un rallentamento dell'aumento della domanda Usa, una ripresa di quella cinese, un'ulteriore crescita di quella indiana e una stabilizzazione di quella europea. Sul fronte dell'offerta Aie prevede un rallentamento della produzione Usa che comunque copriranno da soli un terzo della maggiore offerta globale, una forte competizione tra Russia, Caspio e Lng sul mercato europeo e un ribilanciamento complessivamente più lungo per il mercato gas che per quello petrolifero, tenuto conto dell'aumento del 45% della capacità di esportazione di Gnl tra 2015 e 2021 soprattutto grazie a Usa e Australia.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]