Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas record da un anno, ma il boom di offerta può frenare i prezzi
02/10/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il mercato del gas ha spazzato via l’effetto Covid e in Europa il combustibile ora costa addirittura più caro dello scorso autunno: sopra o 13 euro per Megawattora al Ttf, il principale hub del Vecchio continente . Più del triplo rispetto a fine maggio, quando scambiava ai minimi storici sotto 4 euro. Il recupero di valore del gas va a braccetto con la ripresa dei consumi industriali dopo il lockdown. Più incerto è lo scenario per l’offerta di gas. Un grosso interrogativo riguarda il Gnl, in particolare quello “made in Usa”. I produttori americani avevano resistito a lungo durante l’emergenza Covid, addirittura strappando quote di mercato a Gazprom. Le importazioni europee di Gnl sono cresciute del 23% nei primi 5 mesi dell’anno (a 46,3 milioni di tonnellate), con acquisti extra soprattutto dagli Stati Uniti. Tra giugno e luglio l’import è calato del 10% a 17,6 milioni di tonnellate. Le scorte europee sono arrivate a testare i limiti di capienza dei serbatoi e anche i giganti dello shale gas si sono dovuti arrendere al crollo dei prezzi e alla raffica di ordini cancellati. Inoltre sono in fase di ripresa la produzione russa e quella norvegese.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]