Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Col gas che va a picco Gazprom accelera su Nord Stream 2
10/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Alle prese con un mercato che non è mai stato così difficile, Gazprom accelera sul progetto Nord Stream 2, con cui conta di raddoppiare la capacità di esportazione via Germania, a 110 miliardi di metri cubi l’anno. Lunedì si chiuderà la prima gara per la realizzazione dell’opera, che il colosso russo ha bandito nonostante l’opposizione della Commissione Ue: una commessa importante – del valore di almeno un miliardo di dollari, addirittura 4 miliardi secondo indiscrezioni riportate dai media russi – per cui l’italiana Saipem è in pole position. Per i russi – che detengono il 51% del consorzio che realizzerà Nord Stream 2 – la fretta è probabilmente dettata dalle difficili condizioni di mercato. A fine maggio il prezzo contrattuale che Gazprom riceve per il suo gas è crollato ai minimi dal 2004, secondo il Fmi: 3,99 dollari per milione di British thermal units, ossia circa 140$ per mille metri cubi, per consegna alla frontiera con la Germania. Si tratta di circa il 20% in meno rispetto al prezzo del combustibile sul mercato britannico, uno sconto – osserva Bloomberg – mai così ampio da aprile 2008.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]