Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas Natural, per gli asset italiani gara a due tra Edison ed Engie Italia
22/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Stretta finale per l’asta sugli asset italiani di Gas Natural con la scadenza per la presentazione delle offerte che è slittata a lunedì prossimo. Negli ultimi giorni è venuta meno la candidatura del fondo cinese Shangai DaZhong, che era stato accreditato di una possibile offerta per l’intero pacchetto. Al momento, salvo colpi di scena dell’ultima ora, sembra ormai prendere corpo l’ipotesi di uno spezzatino con due potenziali acquirenti: uno per il quasi mezzo milioni di clienti elettricità e gas (sia retail sia industriali) e un altro compratore per la distribuzione gas con circa 7300 km di rete, su cui la gara sembra ristretta tra Italgas e 2i Rete Gas. Anche sui clienti non sembrano esserci in vista grandi sorprese. Sul mercato ci si attende un testa a testa tra Edison e Engie Italia con offerte tra 200 e 250 milioni di euro. Difficile che altri acquirente possano insidiarli. Come potenziale outsider, negli ultimi giorni, è emerso il tandem Spiegas-Canarbino, due aziende italiane attive nel trading e nella vendita retail di energia elettrica e gas per complessivi 2 miliardi di fatturato dietro alle quali c’è un socio forte tedesco, la EnBw.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Chiero Condina (pag. 44)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Effetto shock sul petrolio: il barile vola del 14%

L’attacco che ha dimezzato la produzione di petrolio dell’Arabia Saudita ha messo a nudo la vulnerabilità di un pilastro del sistema energetico mondiale
[leggi tutto…]

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]

Russia e Ucraina riaprono la partita delle forniture di gas

E’ in procinto di scadere il contratto decennale che regola il transito di gas russo attraverso l’Ucraina e l’UE
[leggi tutto…]