Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, micro-terremoti e case che crollano nelle terre strappate al mare del Nord
22/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

A causare questo movimento sismico, nella provincia di Groninga, sarebbe lo sfruttamento di uno dei maggiori giacimenti di gas naturale del pianeta. Il bacino si trova a tremila metri di profondità, le risorse valgono un business miliardario. Secondo molti attivisti che si stanno battendo contro le pratiche di estrazione, ad essere colpevole dei movimenti sismici è la Nam, compagnia olandese di proprietà di Shell e ExxonMobil, che negano gli effetti collaterali delle estrazioni.

Fonte: La Repubblica

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]