Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, micro-terremoti e case che crollano nelle terre strappate al mare del Nord
22/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

A causare questo movimento sismico, nella provincia di Groninga, sarebbe lo sfruttamento di uno dei maggiori giacimenti di gas naturale del pianeta. Il bacino si trova a tremila metri di profondità, le risorse valgono un business miliardario. Secondo molti attivisti che si stanno battendo contro le pratiche di estrazione, ad essere colpevole dei movimenti sismici è la Nam, compagnia olandese di proprietà di Shell e ExxonMobil, che negano gli effetti collaterali delle estrazioni.

Fonte: La Repubblica

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]