Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, micro-terremoti e case che crollano nelle terre strappate al mare del Nord
22/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

A causare questo movimento sismico, nella provincia di Groninga, sarebbe lo sfruttamento di uno dei maggiori giacimenti di gas naturale del pianeta. Il bacino si trova a tremila metri di profondità, le risorse valgono un business miliardario. Secondo molti attivisti che si stanno battendo contro le pratiche di estrazione, ad essere colpevole dei movimenti sismici è la Nam, compagnia olandese di proprietà di Shell e ExxonMobil, che negano gli effetti collaterali delle estrazioni.

Fonte: La Repubblica

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]