Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas liquido, il Qatar sfida gli Stati Uniti
27/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

È trascorsa appena una settimana dalla decisione della Cina di imporre dazi sul Gnl americano e i concorrenti degli Stati Uniti già iniziano a muoversi per approfittare della situazione. Il primo a farsi avanti è il Quatar, che ieri ha annunciato un’ulteriore espansione della capacità produttiva, con cui conta di arrivare a 110 milioni di tonnellate per l’anno 2023-2024 rispetto agli attuali 77 milioni. Nel frattempo anche il Canada, finora assente da questo mercato, sembra vicino a coronare l’antica aspirazione di esportare Gnl: a giorni il primo impianto di liquefazione del Paese, con una capacità di 26 milioni di tonnellate l’anno, dovrebbe ricevere il via libera all’investimento. I soci di Lng Canada, guidati da Royal Dutch Shell, hanno infatti ottenuto importanti agevolazioni da Ottawa che avrebbero convinto a rompere gli indugi. Il Governo di Ottawa ha offerto agevolazioni fiscali al progetto. Le condizioni del mercato del Gnl, fino a poco tempo fa gravate da un surplus di offerta, sono decisamente migliorate, grazie soprattutto a un boom di importazioni in Cina.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag.19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]