Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, l’Italia sbarca nel Golfo e sfida Parigi. L’accordo con Abu Dhabi guarda alla Libia
20/11/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Eni sbarca in modo massiccio nel Golfo, per la prima volta, e gli accordi con Abu Dhabi si allargano all’Egitto e in prospettiva al Fezzan, dove l’Italia deve fronteggiare la concorrenza francese. Il 13 novembre Eni ha firmato un accordo con Adnoc che gli garantirà una concessione offsore comprendente tre giacimenti e <<trilioni di metri cubi>> di gas. Il successo dell’operazione nasce dall’exploit degli ultimi anni in Egitto, dove è stato messo a regime il più grande giacimento di gas nel Mediterraneo, facendo passare lo Stato da importatore a esportatore di gas in tempi rapidi. Eni ha firmato un accordo anche con una seconda compagnia emiratina per la cessione di una quota nella concessione Nour nel Delta del Nilo. L’enorme sfida dei prossimi anni, nel Golfo come nel Mediterraneo, sarà proteggere quanto scoperto in questi anni, partita che ha visto irrompere la Russia e una presenza statunitense meno forte, in un contesto con molti player. Con l’espansione negli emirati Eni e l’Italia possono riequilibrare i rapporti nello scacchiere libico e contrastare l’espansione francese nel Sudo, dove sono presenti enormi giacimenti inesplorati. I Paesi del Golfo stanno cercando da tempo nuovi partner internazionali e c’è spazio per la cooperazione. In questa direzione Eni ha firmato anche accordi minori con Bahrein e Qatar.L’Eni sbarca in modo massiccio nel Golfo, per la prima volta, e gli accordi con Abu Dhabi si allargano all’Egitto e in prospettiva al Fezzan, dove l’Italia deve fronteggiare la concorrenza francese. Il 13 novembre Eni ha firmato un accordo con Adnoc che gli garantirà una concessione offsore comprendente tre giacimenti e <<trilioni di metri cubi>> di gas. Il successo dell’operazione nasce dall’exploit degli ultimi anni in Egitto, dove è stato messo a regime il più grande giacimento di gas nel Mediterraneo, facendo passare lo Stato da importatore a esportatore di gas in tempi rapidi. Eni ha firmato un accordo anche con una seconda compagnia emiratina per la cessione di una quota nella concessione Nour nel Delta del Nilo. L’enorme sfida dei prossimi anni, nel Golfo come nel Mediterraneo, sarà proteggere quanto scoperto in questi anni, partita che ha visto irrompere la Russia e una presenza statunitense meno forte, in un contesto con molti player. Con l’espansione negli emirati Eni e l’Italia possono riequilibrare i rapporti nello scacchiere libico e contrastare l’espansione francese nel Sudo, dove sono presenti enormi giacimenti inesplorati. I Paesi del Golfo stanno cercando da tempo nuovi partner internazionali e c’è spazio per la cooperazione. In questa direzione Eni ha firmato anche accordi minori con Bahrein e Qatar.

Fonte: La Stampa, Primo Piano – Giordano Stabile (pag.22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]