Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, l’Italia sbarca nel Golfo e sfida Parigi. L’accordo con Abu Dhabi guarda alla Libia
20/11/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Eni sbarca in modo massiccio nel Golfo, per la prima volta, e gli accordi con Abu Dhabi si allargano all’Egitto e in prospettiva al Fezzan, dove l’Italia deve fronteggiare la concorrenza francese. Il 13 novembre Eni ha firmato un accordo con Adnoc che gli garantirà una concessione offsore comprendente tre giacimenti e <<trilioni di metri cubi>> di gas. Il successo dell’operazione nasce dall’exploit degli ultimi anni in Egitto, dove è stato messo a regime il più grande giacimento di gas nel Mediterraneo, facendo passare lo Stato da importatore a esportatore di gas in tempi rapidi. Eni ha firmato un accordo anche con una seconda compagnia emiratina per la cessione di una quota nella concessione Nour nel Delta del Nilo. L’enorme sfida dei prossimi anni, nel Golfo come nel Mediterraneo, sarà proteggere quanto scoperto in questi anni, partita che ha visto irrompere la Russia e una presenza statunitense meno forte, in un contesto con molti player. Con l’espansione negli emirati Eni e l’Italia possono riequilibrare i rapporti nello scacchiere libico e contrastare l’espansione francese nel Sudo, dove sono presenti enormi giacimenti inesplorati. I Paesi del Golfo stanno cercando da tempo nuovi partner internazionali e c’è spazio per la cooperazione. In questa direzione Eni ha firmato anche accordi minori con Bahrein e Qatar.L’Eni sbarca in modo massiccio nel Golfo, per la prima volta, e gli accordi con Abu Dhabi si allargano all’Egitto e in prospettiva al Fezzan, dove l’Italia deve fronteggiare la concorrenza francese. Il 13 novembre Eni ha firmato un accordo con Adnoc che gli garantirà una concessione offsore comprendente tre giacimenti e <<trilioni di metri cubi>> di gas. Il successo dell’operazione nasce dall’exploit degli ultimi anni in Egitto, dove è stato messo a regime il più grande giacimento di gas nel Mediterraneo, facendo passare lo Stato da importatore a esportatore di gas in tempi rapidi. Eni ha firmato un accordo anche con una seconda compagnia emiratina per la cessione di una quota nella concessione Nour nel Delta del Nilo. L’enorme sfida dei prossimi anni, nel Golfo come nel Mediterraneo, sarà proteggere quanto scoperto in questi anni, partita che ha visto irrompere la Russia e una presenza statunitense meno forte, in un contesto con molti player. Con l’espansione negli emirati Eni e l’Italia possono riequilibrare i rapporti nello scacchiere libico e contrastare l’espansione francese nel Sudo, dove sono presenti enormi giacimenti inesplorati. I Paesi del Golfo stanno cercando da tempo nuovi partner internazionali e c’è spazio per la cooperazione. In questa direzione Eni ha firmato anche accordi minori con Bahrein e Qatar.

Fonte: La Stampa, Primo Piano – Giordano Stabile (pag.22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]