Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gas, l'Iran punta a rimpiazzare la Russia
25/07/2015 - Pubblicato in news internazionali

I due giorni di Conferenza a Vienna sembrano essere andati molto bene per l'Iran. Reza Nematzedeh, il ministro di industria, risorse minerarie e commercio, ha precisato però che Teheran non vuole essere solo un importatore di beni provenienti dall'occidente. “L'Iran non è lo stesso mercato di dieci anni fa e quindi non vogliamo più una unidirezionale importazione dei beni e dei macchinari dall'Europa. Vogliamo anche esportare, per questo l'Iran intende unirsi al Wto appena le sanzioni saranno sollevate”. Quanto all'Oil&Gas, Teheran intende aumentare la propria produzione di gas da 700 milioni di metri cubi al giorno a 1,1 miliardi di metri cubi al giorno entro il 2017 e proporsi all'Europa come una valida alternativa alla Russia. Il vice ministro del petrolio iraniano, Amir Hossein Zamaninia ha anche detto di aver identificato 50 progetti oil&gas, per un valore complessivo di 185 miliardi di dollari, che dovrebbero essere avviati entro il 2020”. Alla conferenza tuttora in corso a Vienna, hanno partecipato molte compagnie petrolifere internazionali, tra cui BP, Shell e Total.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas Intensive, "la battaglia sullo spread di prezzo è alla fase decisiva"

Intervista a Paolo Culicchi, voce storica dell'industria manifatturiera e energy intensive italiana e presidente del consorzio dei grandi consumatori di gas Gas Intensive
[leggi tutto…]

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]

Il Tap è operativo: in Italia è giunto il primo gas azero

Il gasdotto Tap è finito. E non solo, ha cominciato a funzionare. Lo ha annunciato nei giorni scorsi la società, raccontando di aver avviato le operazioni commerciali
[leggi tutto…]